RICORSO LAUREA/DIPLOMA PIÙ 24 C.F.U./C.F.A. – RIEPILOGO SETTIMANALE DEGLI ACCOGLIMENTI GIUDIZIARI

24 CFU News

RICORSO LAUREA/DIPLOMA PIÙ 24 C.F.U./C.F.A. PER ABILITAZIONE ALL’INSEGNAMENTO, FUNZIONALE ALL’INSERIMENTO NELLA II FASCIA DELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO!

RIEPILOGO SETTIMANALE DEGLI ACCOGLIMENTI GIUDIZIARI CAUTELARI-RICORSI PATROCINATI DAGLI AVV.TI ALDO ESPOSITO E CIRO SANTONICOLA.

Nell’attuale quadro normativo (delineato dagli artt. 1, comma 110, l. 107/2015 e 5, 17 D. lgs. n. 59/2017), il possesso dei 24 CFU, unito al titolo di studio, costituisce requisito di accesso ai concorsi “riservati ai soggetti abilitati all’insegnamento” (come sancito dalla L. N. 107 del 2015, tuttora vigente).

Ebbene, partendo da questa premessa, i legali Aldo Esposito e Ciro Santonicola stanno rappresentando, al cospetto delle Magistrature del Lavoro di tutta Italia, che, se –da un lato- gli assistiti (Laureati o Diplomati in possesso dei 24 C.F.U./C.F.A.) potevano partecipare alle procedure concorsuali “riservate agli abilitati”, dall’altro, la normativa di rango secondario (D.M. 374/2017 di ultimo aggiornamento delle Graduatorie d’istituto) ha precluso l’iscrizione nella seconda fascia, “riservata ai docenti abilitati”, configurando tale preclusione, secondo gli avvocati,  un’ingiustificata disparità di trattamento, lesiva degli artt. 3 e 97 Costituzione.

Di conseguenza, lo studio Esposito/Santonicola ha adito i Tribunali del lavoro territorialmente competenti, per “Accertare e dichiarare che parte ricorrente dispone dell’abilitazione all’insegnamento, costituita dal possesso del titolo (Laurea, Diploma A.F.A.M., I.T.P., I.S.E.F., a seconda dei casi) -congiunto ai 24 C.F.U./C.F.A., conseguentemente domandando che l’aspirante possa spendere, detta abilitazione, ai fini dell’inserimento nella seconda fascia delle graduatorie d’istituto interessate”.

Tra l’altro, è stato possibile agire in giudizio “nelle forme urgenti- ex art. 700 codice di procedura civile”alla luce del recentissimo Decreto Ministeriale 666/2019, laddove ha previsto come “nelle more della costituzione triennale delle graduatorie di istituto di I, II e III fascia concernenti la scuola secondaria di I e II grado, i soggetti con titolo di abilitazione entro il 1° ottobre di ciascun anno potevano richiedere l’inserimento in II fascia delle graduatorie di istituto, posizionandosi in un elenco aggiuntivo, relativo alla rispettiva finestra di inserimento”. Inoltre, il Decreto Dipartimentale n. 1458 del 09.10.2019, in relazione al detto inserimento negli elenchi aggiuntivi alle graduatorie di istituto di II fascia, ha previsto che la relativa domanda doveva essere presentata, entro il termine del 18.10.2019, ad un’istituzione scolastica della provincia prescelta.

In sostanza, l’imminente scadenza del termine per la presentazione della domanda negli elenchi aggiuntivi alla seconda fascia delle graduatorie d’istituto ha giustificato, a tutela degli assistiti dello studio Santonicola and partners, la richiesta del provvedimento cautelare, al fine di consentire l’inserimento nelle superiori graduatorie.

I nuovi esiti giudiziari cautelari, favorevoli, al momento noti, provengono dalla Sezione Lavoro del Tribunale di Viterbo (abilitazione per laureato con 24 C.F.U.), Tribunale di Torre Annunziata (doppio accoglimento, abilitazione per laureati con 24 C.F.U), sulla stessa scia Tribunale di Firenze, Tribunale di Parma (accoglimento 2744/19), Giudice di Rimini, dott. Lucio Ardigò; ed ancora, Giudice del Lavoro di Monza, dott.ssa Serena Sommariva- con riferimento alla valenza abilitante del Diploma I.T.P., classe B16, unito al possesso dei 24 C.F.U.- e Tribunale di Salerno che, condividendo le argomentazioni della Magistratura del Lavoro di Siena, ha confermato il provvedimento cautelare monocratico sulla valenza abilitante del Diploma A.F.A.M., unito ai 24 C.F.A..

Posto che, in ragione delle argomentazioni citate, una rilevante giurisprudenza, anche con pronunce  di merito, sta consentendo il passaggio dalla terza alla seconda fascia delle graduatorie d’istituto, è tuttora possibile avviare il RICORSO LAUREA/DIPLOMA PIÙ 24 C.F.U/C.F.A. PER ABILITAZIONE ALL’INSEGNAMENTO, a livello individuale o semicollettivo, eventualmente concordando, con i legali, nuove richieste urgenti, sulla base di differenti motivazioni.

Di seguito i link per

 “Ricorso individuale” LAUREA/DIPLOMA PIÙ 24 C.F.U./C.F.A. PER ABILITAZIONE, https://scuolalex.it/ricorso-santonicola-individuale-laurea-diploma24-c-f-u-per-abilitazione-allinsegnamento/

o, in alternativa,

“Ricorso semicollettivo” LAUREA/DIPLOMA PIÙ 24 C.F.U./C.F.A. PER ABILITAZIONE”, https://scuolalex.it/ricorso-santonicola-laurea-diploma24-c-f-u-abilitazione-allinsegnamento/

Al fine di visionare tutti i provvedimenti giudiziari, è possibile raggiungere i legali nella sede di Castellammare di Stabia (NA), via Amato 7, ogni martedì e giovedì, dalle ore 15:45 alle ore 19:30.

Per info di ogni tipo, è possibile  inviare un messaggio WhatsApp scritto al numero 3661828489 (no telefonate). Risponderà direttamente il legale, con un vocale, in media entro 7 giorni dall’invio del quesito.

In alternativa, si contatti il numero fisso dello studio legale Santonicola and partners 08119189944, attivo, dal lunedì al venerdì, dalle ore 09,45 alle ore 12,30 e dalle ore 16,30 alle ore 19,30.

Di seguito si pubblicano estratti di alcune pronunce giudiziarie (valenza abilitante dei Diplomi A.F.A.M. ed I.T.P., uniti al possesso dei 24 C.F.U./C.F.A.), depurati dagli elementi ritenuti sensibili, al fine di preservare la posizione degli assistiti.

ACCOGLIMENTO SALERNO,ABILITAZIONE AFAM PIÙ 24 CFU/CFA-CONFERMA PRONUNCIA CAUTELARE

ACCOGLIMENTO MONZA-ABILITAZIONE DIPLOMA ITP PIÙ 24 CF