PERSONALE A.T.A. PRECARIO (C.S.) – LAVORATORE FRAGILE CON CONTRATTO COVID FINO AL TERMINE DELLE LEZIONI

L'Avvocato Risponde

È POSSIBILE DOMANDARE IN GIUDIZIO CHE IL SUO CONTRATTO VENGA EQUIPARATO A QUELLO “AL 30.06”, PER FRUIRE DEI 9 MESI DI MALATTIA, AI FINI DELLA CONSERVAZIONE DEL POSTO DI LAVORO?

Quesito/Consulenza informativa.

Gentile Avvocato, 

Sono un collaboratore scolastico, lavoratore fragile ed ho sottoscritto, da terza fascia A.T.A., contratto COVID fino al termine delle lezioni

Mi sono assentato per malattia e la scuola mi ha rappresentato che vanto il diritto alla conservazione del posto per un periodo non superiore a 30 giorni. 

Diversamente, se fossi stato assunto fino al 30 giugno o 31 agosto, avrei avuto diritto alla conservazione del posto per un periodo di ben 9 mesi…

Poiché mi ritengo penalizzato da tale situazione, mancando nel contratto pochi giorni al 30.06, posso valutare uno specifico ricorso, per domandare che la mia condizione soggettiva venga equiparata a quella del “lavoratore fragile fino al 30.06”, con conseguente diritto alla fruizione dei nove mesi di malattia?

Studio Legale EspositoSantonicola

Gentile A.T.A., possiamo certamente iscrivere ricorso al competente Giudice del Lavoro, alla luce della sua situazione contrattuale.

Consideri tra l’altro che, nel domandare l’equiparazione della sua condizione soggettiva a quella del “precario fragile, con contratto sino al 30.06, assente per malattia” – non licenziabile entro i 9 mesi – faremo leva sulla recente previsione, secondo la quale “per i contratti stipulati dal personale ATA sui posti COVID, ex art.231bis , comma 1 lett. b), D.L. 34/2020 (L. 77/2020), è stata eliminata la clausola risolutiva/di licenziamento (in caso di sospensione delle attività didattiche in presenza).

Parliamo di elementi normativi che, secondo la nostra impostazione, rendono illegittimo il suo licenziamento, dopo i 30 giorni di malattia, considerandosi di fatto diseguale, con tale agire, la condizione dei lavoratori fragili, attinti da organico aggiuntivo.

Per approfondimenti sulle “PROBLEMATICHE DEL PERSONALE A.T.A.” precario e di ruolo, s’inoltri unico WhatsApp scritto (no messaggi spezzettati in più momenti, altrimenti il sistema vi colloca in coda), o vocale di 1 minuto, al numero 366 18 28 489 (no telefonate).