DIPLOMA I.T.P. “DI VECCHIO REGIME” ED ABILITAZIONE ALL’INSEGNAMENTO

News

LA NUOVA STRATEGIA GIUDIZIARIA, PROPOSTA DAI LEGALI ALDO ESPOSITO E CIRO SANTONICOLA, PER DOMANDARE L’INSERIMENTO NELLA SECONDA FASCIA DELLE GRADUATORIE D’ISTITUTO.

Il diploma tecnico pratico “vecchio regime”, conseguito entro l’A.S. 1997/98, presenta peculiarità tali da consentire la domanda giudiziaria di abilitazione all’insegnamento.

Partendo da questo presupposto, i legali Aldo Esposito e Ciro Santonicola propongono un nuovo ricorso, innanzi alle competenti Magistrature del Lavoro, per domandare l’inserimento nella seconda fascia delle graduatorie d’istituto.

Tra l’altro, le recenti modifiche legislative, sulla scorta della legge 107/2015, hanno annoverato quali titoli per accedere al reclutamento, sulle classi d’insegnamento tecnico pratiche ed in sostituzione dell’abilitazione, il semplice possesso del diploma I.T.P., fino all’annualità scolastica 2024/25.

Ed allora, si potrà argomentare sul seguente sillogismo giudiziario:

  1. Se il requisito originario di accesso ai concorsi è l’abilitazione;
  2. Se l’abilitazione è stata, fino ad ora, definita quale possesso di un diploma o titolo abilitante; 
  3. Se con i nuovi reclutamenti, fino al 2024/25, il semplice diploma ITP consente la partecipazione ai concorsi “nati per gli abilitati”; 
  4. Si ritiene che l’abilitazione possa identificarsi con il possesso del diploma I.T.P., fino all’annualità scolastica 2024/25.

In definitiva, si rappresenterà in giudizio che il Diploma Tecnico Pratico è abilitante all’insegnamento, con le ulteriori motivazioni, separate e specifiche, a tutela di quanti abbiano conseguito, tale diploma, entro l’A.S. 1997/98.

Per accedere alle istruzioni operative del “NUOVO RICORSO ITP SECONDA FASCIA G.I. AL GIUDICE DEL LAVORO, DIPLOMA ENTRO A.S. 1997/98” si clicchi sotto:

https://scuolalex.it/ricorso-itp-ii-fascia-diploma-conseguito-entro-la-s-1997-98-innovativa-strategia-innanzi-al-giudice-del-lavoro/

Segue link per visionare il video illustrativo del legale:

https://youtu.be/rsNYD0y_KLg

Per domande mirate, si inoltri WhatsApp scritto al 3661828489 (no telefonate). Risponderà direttamente l’avvocato, con un vocale, in media entro sette giorni dall’invio del quesito.

In alternativa, è possibile contattare il numero fisso 08119189944, attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 09:45 alle ore 12:30 e dalle ore 16:30 alle ore 19:30.