IDONEI NON VINCITORI T.F.A. SOSTEGNO 2019 – POSSONO PRESENTARE RICORSO?

L'Avvocato Risponde

CATEGORIA RICORSO “IDONEI NON VINCITORI T.F.A. SOSTEGNO 2019– PER L’ACCESSO IMMEDIATO (ANCHE IN SOVRANNUMERO) AL TIROCINIO FORMATIVO SPECIALIZZANTE”

COLORO CHE HANNO SUPERATO TUTTE LE PROVE SELETTIVE PER ACCEDERE AL T.F.A. SOSTEGNO 2019, NON ESSENDO, TUTTAVIA, RIENTRATI TRA I VINCITORI (AMMESSI AL CORSO PRESSO L’ATENEO DI RIFERIMENTO) POSSONO PRESENTARE RICORSO, IN SEDE AMMINISTRATIVA, ALLA LUCE DEL “POSSIBILE AUMENTO DEI POSTI”, COMPLESSIVAMENTE AUTORIZZATI E/O DI UNA LORO DIFFERENTE DISTRIBUZIONE NELLE UNIVERSITA’ DELLE DIVERSE REGIONI (RECENTEMENTE SANCITO DAL T.A.R. LAZIO).

Gentile Avvocato Santonicola, 

Sono un docente che ha sostenuto e superato tutte le prove selettive, per l’ammissione al T.F.A. Sostegno 2019. 

Tuttavia, pur risultando idoneo per la partecipazione al corso formativo specializzante, presso l’Ateneo interessato, non sono rientrato tra i vincitori effettivi, vedendomi preclusa l’immatricolazione ad un percorso che, laddove concluso entro marzo 2020, mi consentirebbe di occupare, in occasione del prossimo aggiornamento delle graduatorie d’istituto, una posizione utile ai fini della stipula dei contratti a termine, anche annuali.

Potrei agire, nella sede giudiziaria amministrativa, per rivendicare, anche con domanda cautelare, l’accesso “in sovrannumero” al corso specializzante T.F.A. Sostegno 2019

In caso di accoglimento del ricorso, sarebbero previste eventuali sessioni destinate al recupero delle lezioni nel frattempo svolte?

Studio Santonicola and partners.

Gentile docente. 

E’ possibile presentare ricorso amministrativo, al competente T.A.R., per domandare l’accesso al corso specializzante T.F.A. sostegno 2019, nella qualità di idoneo non vincitore, sulla base della seguente motivazione:

Con Decreto Ministeriale n. 118 del 2019 sono stati fissati i posti disponibili, per le immatricolazioni al T.F.A. Sostegno, nei limiti illustrati dalla “Tabella A”. 

Ebbene, il T.A.R. del Lazio-Roma, Sezione III, con decisione collegiale (seppure nella fase cautelare), datata 23 aprile 2019, ha ritenuto esistente un “fumus boni iuris” (parvenza di buon diritto) in relazione alle dedotte incongruenze relative al numero assai ridotto di posti per la frequenza dei percorsi specializzanti e alla loro distribuzione sul territorio.

Lo stesso Giudicante ha ritenuto di accogliere la domanda cautelare avanzata, ai fini del riesame, da parte del M.I.U.R., volto all’aumento dei posti complessivamente autorizzati e/o ad una loro diversa distribuzione tra gli Atenei appartenenti alle varie Regioni.

A questo punto, in attesa che il Ministero riesamini il fabbisogno dei docenti specializzati (sicuramente elevato, visti i numerosi posti sul sostegno assegnati “in deroga”) il citato accoglimento cautelare T.A.R. potrà rappresentare il punto di partenza per domandare l’accesso al percorso formativo.

La tutela giudiziaria è rivolta agli “idonei non vincitori”, per l’immatricolazione al corso, “anche in sovrannumero”, dal momento che i posti sul sostegno ci sono!

L’eventuale accoglimento giudiziario, traducendosi in ordine “immediatamente esecutivo”, potrebbe certamente consentire la fruizione delle lezioni di recupero, riferite alle ore formative eventualmente perdute. 

PER INFO IN MERITO AL “RICORSO SANTONICOLA IDONEI NON VINCITORI T.F.A. SOSTEGNO 2019PER L’ACCESSO IMMEDIATO, ANCHE IN SOVRANNUMERO, AL TIROCINIO FORMATIVO SPECIALIZZANTE”, SI INOLTRI WHATSAPP SCRITTO AL NUMERO 3661828489 (NO TELEFONATE). 

RISPONDERÀ DIRETTAMENTE IL LEGALE, IN MEDIA ENTRO SETTE GIORNI DALL’INVIO DEL QUESITO.